Y692 Tra l’essere e l’esistente. Un approccio alla ricerca ontologica del primo Heidegger

Nel presente corso si ha la pretesa di confrontarsi col primo Heidegger che nel 1927, in Sein und Zeit, ha rilanciato la domanda sull'essere, e di rimeditare la metafisica tomista dell'atto di essere. L'ineludibile confronto viene apertamente tematizzato già nel primo argomento che dapprima delinea l'itinerario speculativo di Heidegger; poi nei due succesivi si affronta il gran tema della libertà; infine, il quarto tratta sul silenzio di Heidegger sull'amicizia. Il confronto continua negli altri argomenti e fa emergere come l'approccio heideggeriano dell'essere resta evidentemente ispirato dalla fenomenologia husserliana che è scienza dell'apparire come apparire.

Maria Cristina Reyes Leiva

Y762 La politica classica e le sfide filosofiche contemporanee

Il Corso intende analizzare i fondamenti filosofici della politica classica, in particolare il modello aristotelico-tomista, in relazione alle diverse proposte  elaborate nel mondo moderno e contemporaneo. Dopo una introduzione storica generale alle principali correnti filosofiche e politiche moderne, si procederà ad una lettura commentata e precisa di alcune opere di Tommaso e ad una discussione critica dei paradigmi politici più influenti in ambito contemporaneo: Neo-contrattualismo, Comunitarismo, Liberalismo, Socialismo, eccetera.

Le Lezioni intenderanno presentare, infine, la rilevanza di una fondazione metafisica della politica, fondata sull’idea oggettiva di legge naturale, nel risolvere e superare le contraddizioni dei modelli giuridici decisionisti e normativisti oggi diffusi.

Benedetto Ippolito

Y562 Narrative Ethics: A Contemporary Approach to Aristotle, Augustine and Aquinas

To recover the richness of the Aristotelian-Thomistic tradition of moral philosophy, this course offers a contemporary reading of classical texts, especially Aristotle, Augustine, and Aquinas, with attention to temporality, choice, intention, and the unity of life. Alasdair MacIntyre’s proposal for appreciating the role of a tradition of moral enquiry embodied by a community of life will be used to offer a contemporary viewpoint for the rediscovery of the tradition while highlighting the components of philosophical anthropology, moral psychology, and action theory that offer an account of the moral life such that the acting person is at once a character, protagonist, and (co)author of his or her own life story.  The course study begins with a series of ground breaking publications by MacIntyre in the late Twentieth Century and early Twenty-first Century that critique modern moral philosophy while proposing a rediscovery of classical ethics and the narrative structure of the moral life, pursued within the context of a full, flourishing human life worth living. After the contemporary introduction, with a critique of modern moral philosophy, the course turns to classical texts with a study of select passages from Aristotle’s Nicomachean Ethics, Augustine’s The Confessions, Evagrius’ Practikos, and Aquinas’ Prima Secundae and Secunda Secundae of his Summa Theologiae. The course concludes with a study of recent psychological discoveries that confirm and complement Aristotelian-Thomistic virtue ethics while highlighting its implications for a narrative understanding of the moral life.
Robert A. Gahl Jr.

Y772 Percorsi di metafisica: senso e portata della domanda sapienziale

La domanda filosofica per antonomasia riguarda – come indica il termine adoperato – la sapienza (filo-sofia): la comprensione dell’essere e dell’esistenza che soggiace in ogni esercizio della ragione (sia teoretica e scientifica che pratica) e della libertà. Una ragione responsabile e un’esistenza vissuta con autenticità non possono eluderla. È la domanda che concerne i presupposti delle nostre azioni in quanto umane, che ci permette di identificare il senso dell’esistenza e di orientarci in essa. È, per questo, la domanda più radicale, a cui rinvia costantemente il pensiero e su cui poggia la libertà. Una domanda che pareva ormai superata, ma che è tornata con forza nel XX secolo e si mantiene oggi, perché è una domanda che ogni essere umano affronta in modo consapevole o assume tacitamente, anche coloro che la ritengono superata. È la domanda, in fine, che ci conduce verso la questione di Dio.

Luis Romera

Y582 Gli abiti e l'unità del comportamento umano: dalla filosofia alla neuroscienza

Il corso studia l’unità e l’integrazione del comportamento umano in una prospettiva interdisciplinare, a partire dalla filosofia e dalle neuroscienze. Il tema centrale sarà la nozione di abito, nella quale si esaminerà la diversità di significati, dalla disposizione operativa verso il proprio perfezionamento, fino alle routines e gli automatismi inconsci. Il corso avrà una parte storica e una parte sistematica. Nella prima, saranno esaminati alcuni dei principali capisaldi di diverse tradizioni, come l’aristotelismo, l’empirismo e la fenomenologia, fra altri. Seguirà la parte sistematica, con un’esposizione filosofica generale sulla nozione e la tipologia degli abiti nell’insieme dell’attività umana. Infine, si svolgerà un’indagine sugli automatismi e sui presupposti neurobiologici degli abiti. 

Jose Angel Lombo

Y592 The Galileo Affair: Science, Philosophy and Religion

The Galileo Affair has been thoroughly examined, particularly after the work of the Commission appointed by John Paul II in order to review its historical, epistemological, exegetic and cultural significance. However, interpretations often disagree about some central points, for instance, the doctrinal value of the condemnation, its scientific and cultural significance, or the responsibilities behind the decisions of the Church’s Authorities. This course will present an accurate reconstruction of the events, the scientific basis of the conflict, and its theological and epistemological significance.

Rafael A. Martinez